Leone

 
 

L’abbondanza delle messi: quest’immagine bucolica racchiude alla perfezione la natura leonina. D’altronde si tratta proprio del periodo dell’anno in cui la natura sprigiona tutte le sue potenzialità e ricolma l’uomo di doni, con la mietitura del grano che ne assicura sostentamento e prosperità per il resto dell’anno.

Il nativo del Leone è sempre sulle tracce di questa stabilità legata al benessere ma non per motivi egoistici: la condivisione è nella sua indole ed è facilmente spiegabile, allora, la tendenza alla generosità, a gesti eclatanti che sanno lasciare a bocca aperta e rassicurano i propri cari sul futuro. Si va al di là del benessere del momento, perché si pongono basi solide per giorni a venire carichi di serenità e progettualità. Speranza sì, ma soprattutto certezza di un domani roseo e confortevole.

Facile, allora, che il nativo si lasci un po’ prendere la mano e pecchi di spavalderia e forse esibizionismo nello sbandierare ai quattro venti questa sicurezza economica. Per natura, d’altronde, è volitivo, espansivo, fiero, pur restando sempre concreto e affidabile nonché totalmente contrario a qualsiasi forma di compromesso. Nessun obiettivo, infatti, incrina la sua integrità, che si aggiunge ai valori forti di lealtà, coraggio e generosità. Per raggiungerlo, infatti, fa leva sulle sue forze e non pensa minimamente a prendere scorciatoie di alcun genere perché è la libertà il bene supremo a cui aspira puntando su un’innata indipendenza, unica via percorribile per la felicità. Solo quando può decidere in totale autonomia, senza condizionamenti, ha la lucidità necessaria per contare sulle proprie forze e valutare con oggettività le variabili della sua vita. Sa, nel profondo, di poter accettare e superare qualunque sfida gli si pari davanti, con sicurezza in se stesso, ma anche con quel sano ottimismo che gli dà sempre la carica. Vedere il buono in ogni circostanza lo arricchisce e lo stimola: questa nobiltà d’animo lo libera dalle catene delle piccole e grandi meschinità quotidiane.

Negli affari di cuori il Leone si getta a capofitto nelle relazioni, ama a 360%, non si risparmia, non lesina, si concede con passione, slanci e onestà… ma ancora una volta l’orgoglio ci mette becco e rischia di rovinare un rapporto sano con ingerenze fuori luogo, gelosie esasperate, ordini perentori ed egoismi spropositati che imbarazzano, mortificano e irritano il partner.

Il momento del corteggiamento è sempre una sfida eccitante: appena adocchia qualcuno di interessante sfodera ogni arma a sua disposizione per conquistarne le attenzioni, alternando idee buffe a trovate romantiche, scegliendo locali esclusivi e puntando su costose sorprese. Si mette sotto i riflettori, insomma, facendo attenzione a far risaltare il meglio di sé, il cosiddetto lato migliore per abbagliare, intrigare, sedurre.

Tra le lenzuola il Leone ama la spensieratezza mista a passione: da un lato il sesso lo aiuta a bruciare l’eccesso di energie che continua ad accumulare, dall’altro ne ha bisogno ripetutamente. In particolare apprezza il lato esplorativo e avventuriero delle situazioni intime: la scoperta, insomma, lo eccita fortissimamente e non ne ha mai abbastanza. Ecco perché potrebbe anche iniziare più relazioni. A meno che non abbia voglia di un rapporto solido: quando lo trova si dimostra fedele e pronto a tutto per salvaguardarlo, divertendosi a trovare modi sempre nuovi per ravvivarlo e renderlo stimolante. In questo caso prevalgono onore e lealtà e il risultato dimostra che ne vale la pena: ottiene in cambio serenità ed equilibrio.


Coco Chanel.

La donna. I lati maschili che prevalgono nel segno potrebbero destabilizzare la donna o dividerla internamente proprio per la difficoltà di esternare la sua parte più femminile, emotiva e percettiva. Ecco spiegato il suo carattere schietto, aperto alla vita, senza troppi condizionamenti e filtri. Dice quello che pensa, senza censura di sorta, senza guardarsi indietro per paura e pregiudizi. Si gode l’esistenza, vuole tutto e subito in qualsiasi ambito: nel lavoro, tra le lenzuola, negli hobby, nel cibo e nello shopping. Punta tutto sull’oggi senza pianificare troppo il domani o guardare alle occasioni perse. I rimpianti non fanno per lei, ecco perché ama condividere con il partner i divertimenti quotidiani, le uscite serale, gli spettacoli e ovviamente le gioie della sessualità.

Quando diventa madre insegna ai piccoli la netta distinzione tra giusto e sbagliato, offre loro gli strumenti di giudizio, li rende intellettualmente vivaci, spigliati, acuti. Vuole che sappiano valutare autonomamente le situazioni e gestirle con criterio. Non tollera le scappatoie, detesta le etichette e i sotterfugi e si ribella con veemenza ad ogni tentativo di mistificazione della realtà. Vuole che i suoi comportamenti avvengano alla luce del sole e che le intenzioni restino cristalline e facilmente verificabili. Se non avviene si arrabbia terribilmente. Adora le attenzioni della prole, specialmente durante le occasioni mondane di famiglia, come compleanni, ricorrenze, tradizioni domestiche: le piace essere il cuore del suo nido e avvolgere i figli di calore, entusiasmo e gioia.


Napoleone Bonaparte.

L’uomo. Il Leone è un segno maschile che permette quindi all’uomo una serena rappresentazione di sé, con la declinazione delle caratteristiche virili nei vari campi della vita.

Tutte le qualità che lo contraddistinguono vengono trasmesse alla prole con serenità e accuratezza: il figlio impara ad essere leale, generoso, forte e coraggioso, apprezza il valore dell’onore e l’importanza della coscienza di sé e si concentra sul miglioramento della persona attraverso studio e lavoro. Il bambino che interiorizza queste lezioni di vita cresce in maniera fiera, sempre disponibile e aperto agli altri, quello che li rifiuta accentua, invece, i lati spigolosi del carattere fino a diventare prepotente e prevaricatore.

Il Leone vive la vocazione genitoriale con grande entusiasmo, ama mettersi allo stesso piano del figlio instaurando un rapporto alla pari, giocoso e sereno: sa diventare suo compagno di giochi, confidente, amico, ma anche insegnante e mentore negli sport.



Professioni. La spiccata tendenza alla socialità rende il Leone particolarmente portato al rapporto con il pubblico nella gestione di bar, locali notturni e cabaret. Grazie alle sue capacità organizzative è adatto a lavori che lo vedano coinvolto in qualità di educatore, coach, istruttore in palestra, guida di boy-scout o gestore di campeggi. Il nativo Leone non disdegna alcuna attività, purché metta in risalto i suoi talenti e lo faccia primeggiare rispetto agli altri, sia con un ruolo dirigenziale che con una medaglia al collo.

Casa Quarta

Qui si colloca il quinto periodo dello sviluppo del bambino, che Freud chiama “fase genitale” e inizia con la pubertà per proseguire poi tutta la vita dell’individuo.

La casa, considerata fin dai tempi antichi come la dimora degli eccessi, è legata a quel periodo turbolento dell’adolescenza, quando gli ormoni scombussolano la vita del ragazzo in una serie di cambiamenti a dir poco destabilizzanti, anche quando graduali e non del tutto improvvisi. La scoperta del proprio corpo è l’anticamera della maturità sessuale e della capacità riproduttiva.


  1. Fase puberale, Ormoni.

  2. Impulsi sessuali. 

  3. Eccessi.

  4. Gruppo.

  5. Bar, Discoteche, Cabaret, Divertimento.

  6. Circo equestre.


La voglia di indipendenza diventa un bisogno imprescindibile: la fase di affermazione di se stessi passa attraverso l’allontanamento dal nido e dai legami familiari. Questa distanza non avviene in maniera netta perché per raggiungerla il ragazzo deve mettersi in gioco e operare un distacco psicologico e fisico dalle mura domestiche. Crescere, capire chi si è e cosa si vuole: per farlo e raggiungere la maturità, l’adolescente deve recidere il cordone ombelicale e costruirsi un’immagine di sé diversa, nuova, adulta.

Il ragazzo/a ha bisogno di spazio, dove poter sperimentare, capire, procedere per tentativi ed errori passando attraverso sentimenti spesso antitetici che vanno dal desiderio di successo all’ansia del fallimento, all’ambizione al terrore. Tutto, insomma, per volare in totale autonomia lontano da casa e dal controllo dei genitori, degli insegnanti e dei mentori.

La grande confusione imperante genera conflitti, incomprensioni, dubbi e porta inevitabilmente il confronto su un piano paritario con i coetanei, gli unici a vivere le stesse sensazioni nel medesimo periodo. Accresce il senso di aggregazione e si sviluppa la mentalità del gruppo, spesso composto da persone dello stesso genere. Le scoperte e le esperienze vengono condivise in uno scambio che le trasforma in leggende e miti. La scoperta della sessualità, le prime esperienze erotiche, come la masturbazione, l’esibizione del corpo, la condivisione dei racconti sentimentali permettono di guardarsi allo specchio tra simili.

La scoperta dell’altro sesso è inizialmente titubante e goffa ma la condivisione dei primi approcci aiuta ad acquistare stima in se stesso e richiede l’approvazione e dell’incoraggiamento della cerchia di amici nei posti di raggruppamento della compagnia, come le discoteche, i locali notturni, le sale giochi.

Nel Leone-casa 5ª è rappresentata l’energia solare individuale, ossia quell’energia visibile che deve essere consumata ogni giorno: ci sono vari modi per scaricarla, ad esempio si incanala positivamente quando si pratica sport di squadra, che permettono stabilità ed equilibrio anche nella sana competizione. Viceversa, però, un sovraccarico di energia, indicato da uno Stellium in casa 5ª, può generare forme di bullismo o, addirittura, stupro di gruppo. Se invece i pianeti sono aspettati negativamente, sarà il soggetto a diventare vittima di violenza del branco o di abusi durante l’età puberale

Pubblicato su Sirio

 


  1. Mese: 23 Luglio - 22 Agosto.

  2. Gradi zodiacali: 120°- 150°.

  3. Segno di fuoco: maschile.

  4. Sole: domicilio primario.

  5. Y: domicilio base.

  6. Geroglifico:        
    .
    Rappresenta la coda dell’animale stesso.
  7. Anatomia: cuore, plesso solare, parte destra del corpo.

  8. Colore: giallo.

  9. Profumo: incenso.

  10. Piante: Pamporcino, quercia, lavanda, anice, camomilla, primula, rosa canina finocchio, cavolo, prezzemolo, menta, girasole.

  11. Metallo: oro.


  12. Orgoglio, Lealtà.

  13. Egocentrismo, Audacia.

  14. Generosità, Signorilità.

  15. Energia, Ambizione.

  16. Senso della realtà.

 

Caratteristiche generali del Leone