Bilancia

 
 

Il segno inizia il 23 di settembre, equinozio d’autunno, in cui il giorno è uguale alla notte, dal quale le ore notturne, prevarranno su quelle diurne, predisponendo l’individuo a soffermarsi su se stesso ed a riflettere. È l’inizio dell’autunno, è il mese in cui la natura comincia a riposarsi prima di entrare nel ciclo della morte e della trasformazione che le consentirà di rigenerarsi e di rinascere in altre forme.

Si trova, allora, un delicatissimo equilibrio tra l’energia e la crescita rappresentata dal Sole, che l’individuo può toccare, assaporare, annusare e vivere concretamente (il maschile), e il momento puramente introspettivo, intimo, spirituale e impalpabile (il femminile): l’Io e il Tu s’incontrano qui. Ecco perché per il nativo della Bilancia è imprescindibile stabilire rapporti umani, tanto che nell’ambito delle relazioni interpersonali dà il meglio di sé e riesce ad esprimersi in totale libertà. Questo non vuol dire certo a briglia sciolta, senza limiti né attenzione per l’altrui sensibilità, ma l’esatto contrario: l’individuo si interfaccia agli altri con delicatezza, grazia e tatto perché non vuole che nessuno, incidentalmente, resti ferito dalle sue parole e dai suoi atteggiamenti. Un amico ideale, insomma, sempre in compagnia, divertente e affidabile, quello, per intenderci, a cui chiedere un consiglio o un aiuto ma che al tempo stesso si nutre dell’altrui giudizio per avere conferme continue.

L’approccio del tipo Bilancia è lucidamente razionale: prima d’iniziare un’attività pondera sempre i pro e i contro e analizza nel dettaglio ogni variabile e ogni circostanza. Vale anche per i rapporti interpersonali: prima di formulare un giudizio su qualcuno si guarda bene dall’essere affrettato, preferisce arrivarci in un secondo momento ma con tutti gli elementi per decidere, sebbene ciò può generare ansie e insicurezze nel soggetto. Alla costante ricerca del giusto assoluto, non tollera sgarri, torti e dispetti e se si sente vittima di un oltraggio lo affronta con il rigore e la severità che lo contraddistingue. Se invece fossero le persone a lui vicine ad essere colpite egli ne diverrà l’implacabile difensore.

A dominare il segno ci pensa Venere, il pianeta che nella Bilancia trova il suo domicilio primario e che si esprime in tutta la sua essenza proprio attraverso l’affettività. Amore che viene trasmesso e avvertito dal neonato fin dalle prime ore di vita e attraverso di lui egli riesce ad alimentarsi di un cibo che non è solo biologico e che gli consente di affrontare il percorso di vita più serenamente.

La coabitazione di Venere con Saturno nel segno-casa dà origine ad un certo dualismo per via della diversità che questi due pianeti hanno e che sfocia proprio nell’affettività. Il soggetto presenta un forte e radicato lato razionale, che lo costringe a passare al vaglio con scrupolo ogni dettaglio della vita amorosa, che cozza con l’esigenza venusiana di vivere un sentimento puro, libero, gratuito e incondizionato. L’affetto si scontra con la ragione e la conseguenza di questa battaglia tra testa e cuore va ricercata proprio nella dimensione introspettiva con cui vive le proprie emozioni. Invece d’agire d’impulso il soggetto filtra gli slanci con la ragione che, poi, li smorza e li ridimensiona sostituendo ad un gesto spontaneo un comportamento più ponderato. Il risultato sul lungo periodo paga e posa le fondamenta di una relazione matura e longeva.


Rita Hayworth

La donna. La nativa Bilancia vive in maniera armoniosa il rapporto con la propria femminilità, si prende cura del proprio corpo e dell’aspetto esteriore. Ci tiene a mettere in risalto il lato “rosa” di sé ma sempre tenendo ben presente la linea sottile tra la sensualità e la provocazione. Sa essere discreta, elegante e raffinata senza rinunciare a fascino e carisma. La sfera sessuale si accende di passione solo quando si sente abbastanza sicura del partner. Non cede a storielle mordi e fuggi, preferisce aspettare e regalarsi una relazione solida, che può essere ufficializzata con convivenza o matrimonio.

La dualità affettiva, che le appartiene, ha bisogno di una pausa di introspettiva per leggere con chiarezza desideri e volontà. Per questo motivo ella ha la necessità di procurarsi momenti per se stessa, anche nel bel mezzo di un innamoramento, per rivivere ogni parola, ogni sussurro, ogni gesto per valutare in pro e contro il reale interesse del partner. Un’analisi tanto scrupolosa dovrebbe far emergere con chiarezza la compatibilità con il soggetto in questione, i cui pregi e difetti vengono a galla oltre ogni ragionevole dubbio davanti al tribunale del suo cuore. Vincere il processo alle emozioni vuol dire costruire un ponte verso un futuro duraturo.

Da madre la donna Bilancia si sente investita di un compito delicato e difficile e intende svolgerlo con la massima accuratezza possibile. Da un lato è affettuosa, incline alle coccole e alle carezze, soprattutto se i figli accettano di buon grado le regole che impone con dolcezza. Dall’altro si dimostra comunque ferma nel farle rispettare, dipingendole come fondamentali per il raggiungimento di una vita serena nonché imprescindibili perché dettate dalla stessa società. Disattendere un suo dettato morale non vuol dire, tuttavia, per la prole andare incontro a recriminazioni: la Bilancia spiega, ragiona, aspetta e offre compromessi, ma difficilmente si lascia guidare dall’ira.




G. Verdi

L’uomo. Differente è la questione per l’uomo del segno: la sua parte maschile assorbe il lato femminile generando insicurezze sulla propria virilità, sessuale e psicologica.

Lungi dall’essere accostato al più classico degli stereotipi, questo soggetto coltiva uno spiccato senso estetico, si distingue per eleganza, ama l’equilibrio e considera il romanticismo come indispensabile nell’evoluzione del rapporto in chiave sessuale.

Queste inclinazioni caratteriali lo rendono particolarmente capace in ambiti artistici o artigianali o sociali, territori prettamente associati a lavori femminili.

Anche come padre egli opta per il dialogo, sceglie toni pacati e ragionevoli e preferisce le discussioni costruttive alle prese di posizioni severe. In assenza di alternative adotta metodi forti solo se pensa siano indispensabili per la crescita della prole, anche a costo di soffocare la propria indole.



Professioni. L’ambito dell’abbigliamento è il suo habitat lavorativo e comprende lavori di vario genere, dalla commessa alla sarta, fino ad arrivare ai grandi stilisti. Tutto merito dello spiccato senso artistico che caratterizza il segno e offre una propensione alla poesia o alla grafica. La magistratura, l’avvocatura e tutte le professioni inerenti alla giustizia sono altrettanto indicate e appropriate all’individuo Bilancia. Da non dimenticare poi il settore delle attività contrattuali di qualsiasi tipo, come associazioni, società, confederazioni, consorzi.


Casa Settima

In opposizione all’Ascendente si trova il Discendente, che delinea la casa VII, la quale, oltre che presentare all’Io-Sole casa I il Super Io-Saturno, sottolinea la presenza di un mondo esterno in cui confrontarsi e a cui assoggettarsi.

  1. Super Io.

  2. Coppia, Amicizie vere.

  3. Contratti legali, Matrimonio.

  4. Associazioni.


La casa VII, ennesimo percorso obbligato, ci mostra che, in questa casa, come nella I, avviene il taglio di un altro cordone ombelicale, sebbene in maniera meno violenta, più razionale: l’individuo, forte della corazza portante che il Super Io-Saturno ha costruito intorno all’Io-Sole, è cresciuto, psicologicamente strutturato, nonché economicamente autonomo ed è quindi pronto a staccarsi dalla famiglia d’origine per formarsene una propria.

Il circolo degli affetti è selezionato accuratamente, con il raziocinio richiesto da Saturno ma anche sulla base dell’affettività voluta da Venere, seguendo il detto “pochi ma buoni”. La scelta del partner segue gli stessi criteri e, complici l’attrazione affettivo-estetica di Venere e quella sessuale di Eris, si basa sulla precisa volontà di trovare l’altra metà della mela.

Al di là della vena romantica su cui si basa la ricerca della persona giusta, il tipo Bilancia ha bisogno di certezze, di schemi sociali, di regole e pensa che il matrimonio (o al massimo la convivenza) possa garantire quella stabilità sufficiente a placare il senso di precarietà circostante. Il legame sembra un suggello della promessa di fedeltà e almeno inizialmente gli conferisce serenità.


Analogo percorso sarà fatto anche dal single, allorché sceglierà di andare a vivere da solo, tagliando così il cordone ombelicale con la famiglia paterna. Anche costui si sarà circondato da profonde amicizie, dalle quali sentirsi sostenuto e con le quali andrà alla conoscenza di altre persone, tra cui potrà incontrare un futuro partner o quantomeno gli garantiranno di vivere insieme agli altri.

La dialettica tra queste due case cardinali è molto dura perché se nella casa I l’Io-Sole si esalta grazie al sostegno di Marte-aggressività-volontà e di Plutone-Es-energia libidica, nell’opposta casa VII un rigido Super Io, rappresentato da Saturno, gli impone regole sociali, valori tradizionali e dettami morali piuttosto definiti, a cui si appella un senso del dovere sempre proteso verso la perfezione, che sottintendono l’annullamento della soddisfazione del piacere. Il desiderio dell’Io arietino di essere il primo e il migliore lo mette in continua competizione con il prossimo causandogli una spontanea diffidenza. Ma quando riconosce una persona valida, non esita ad affidarle la propria forza e vitalità, e ad obbedirle fedelmente, in cambio della garanzia che il suo potere e il suo benessere dureranno nel tempo. Tale compito è assolto brillantemente da Saturno in Bilancia-casa VII, il quale si prenderà la responsabilità di dare una simile garanzia, ma in cambio vorrà il potere e il riconoscimento dell’autorità di dettare regole e leggi attraverso le quali stabilire un ordine civile in cui ogni individuo potrà godere della propria libertà personale, rispettando quella del prossimo. Coloro che trasgrediscono tali leggi andranno incontro a severe punizioni civili e penali.

Pubblicato su Sirio

 


  1. Mese: 23 Settembre - 22 Ottobre.

  2. Gradi zodiacali: 180°- 210°.

  3. Segno d’aria: femminile.

  4. Venere: domicilio primario.

  5. Eris: domicilio base.

  6. Saturno: esaltazione.

  7. Geroglifico:        
    .
    E’ costituito da una linea la cui parallela superiore forma un semiarco. Richiama il glifo egizio dell’equilibrio.
  8. Anatomia: vescica, pelle, reni, utero.

  9. Colore: colori pastello.

  10. Piante: rosa, giglio, viola mammola, viola tricolore, crescione, fragola, melissa, limone.

  11. Profumo: Galbano.

 

Caratteristiche generali della Bilancia


  1. Spirito conciliatore.

  2. Riflessione, Selezione.

  3. Formalismo, Estetica, Moda.

  4. Ricerca d’equilibrio e conferme.

  5. Leggi.